Tag Archive : sagre

toscana fuori expo

Fino all’11 ottobre, da mezzogiorno a sera, la TOSCANA si sposta a Milano

6-11 ottobre 2015 – da mezzogiorno fino a sera

Vieni in Toscana pur rimanendo a Milano: esperienze da provare

Toscana-Milano molto più vicini, di più che con un treno ad alta velocità. Per una settimana la Toscana accorcia le distanze: si racconta, spalanca le porte, tira fuori i “gioielli di famiglia”, invita a casa. E i padroni di casa hanno quell’allure che da secoli gli si riconosce: sono i Maestri del Buon Vivere toscano.

L’indirizzo da mettere in agenda è quello dei Chiostri dell’Umanitaria in via Daverio 7 a Milano, i giorni clou tutti!

Dal 6 all’11 ottobre infatti sarà un fuoco di fila di appuntamenti, ospiti, incontri, show cooking, esibizioni di grande arte pasticcera, degustazioni e attività. A cominciare dai tanti temporary atelier con i Maestri Artigiani live al lavoro. L’organizzazione dell’intera settimana è a cura di ARTEX Centro per l’Artigianato Artistico della Toscana.

Una Toscana cosmopolita e segreta al tempo stesso, sontuosa ma anche intima che si racconta miscelando manufatti d’eccellenza e supremazia artigiana, qualità e fascino del paesaggio e straordinarietà agroalimentare.

Una terra che nutre, creativa e fattiva, un laboratorio a cielo aperto proprio di Buon Vivere e fonte di emozioni.

Una Toscana per estimatori del bello come del buono che come spesso capita si incontrano proprio intorno ad una tavola, ideale, ma non solo. Già perché la scena principale in questa settimana all’Umanitaria sarà rappresentata da una tavola “speciale”, una grande tavola apparecchiata in resina bianca, non una tavola tradizionale ma un nuovo spazio “abitativo” vivo e dinamico che coinvolge i sensi, lo spazio, l’estetica della tavola e del piatto.

Ibridazioni e un po’ di fantasia anche col food: non solo alta tradizione infatti, come in Toscana ci si aspetta, ma anche uno street food un po’ sui generis, un ciclofood “a giro” nei Chiostri. Cucina creativa e social food per un rito affatto convenzionale messo in scena, nonché in tavola, da Cuisine Collectif, una squadra di giovani cuochi “professionali ma non professionisti”, vulcanici e gioiosi in arrivo da Firenze. Non è un wine bar ma un open bar su due ruote, un aperobike oltre gli orari canonici dell’aperitivo. Piccola cucina mobile che servirà a tutte le ore “la porchetta fighetta” a base di arista, erbe aromatiche toscane e un pan focaccia fatto a mano, rivisitazione in chiave toscana del kebab.

La Toscana vi aspetta! L’invito è aperto. Soprattutto a chi ha voglia di farsi sorprendere.

IN AGENDA NEI PROSSIMI GIORNI

giovedì 8 ottobre

Giornata clou perché esce allo scoperto il nuovo ARTour, il sito e l’APP con mappe, schede, indirizzi, fotografie, video a portata di click per un moderno Gran Tour attraverso laboratori artigiani, botteghe ma anche musei e ristoranti.

A presentarlo l’Assessore alle Attività Produttive e al Turismo della Regione Toscana Stefano Ciuoffo. Un vademecum per pianificare il tuo viaggio d’esperienze in Toscana 365 giorni l’anno.

E il primo “tour per ristoranti” lo si sperimenta subito al termine dell’incontro con lo show cooking degli chef di Vetrina Toscana, una rete di 1000 ristoranti ambasciatori del territorio.

ATELIER

E per questa occasione saranno due dei più grandi maestri artigiani che la Toscana, e non solo, vanta, a lavorare dal vivo all’Umanitaria rivelando a tutti uno spaccato di grande arte e creatività. Si tratta dell’Atelier di Bianco Bianchi con i pezzi unici di scagliola fiorentina, intarsi colorati in polvere di cristallo o pietra di luna e il Laboratorio Pietre nell’Arte: splendide pietre dure per mosaici spettacolari in commesso fiorentino.

SECRET TUSCANY RESTAURANT

venerdì 9 ottobre

Mini corso con show cooking e degustazioni di “cucina ruffiana”: ricette per chi ha poco tempo a disposizione ma con risultati sorprendenti. Ai fornelli di questa sorta di “pop up restaurant” Matteo e Arianna di Cuisine Collectif

ATELIER

Oggetti d’uso quotidiano in serie limitata e in chiave innovativa e contemporanea questa è la raffinata arte ceramica dei Maestri Artigiani Sandra Pelli e Stefano Giusti dello Studio Ceramico Giusti.

Il PANE DI IERI E’ BUONO DOMANI

sabato 10 ottobre

Recupero intelligente e goloso del “pane di ieri”: panzanella, ribollita, pappa al pomodoro per citare solo le ricette toscane più note. A interpretare al meglio in cucina il pane toscano arà il Maestro Artigiano panettiere Stefano Gatti dello storico omonimo forno viareggino accompagnato dallo chef Riccardo Serni. E poi ancora, pane appena sfornato, schiacciata rustica e all’uva.

ATELIER

Due talentuose Maestre Artigiane Arianna Celleno e Sandra Ugolini del Laboratorio orafo Il Carato: gioielli ispirati all’uva e sculture del mondo animale.

LE MANI IN PASTA

domenica 11 ottobre

E’ domenica e come tradizione comanda a tavola c’è Un Mondo di Pasta… pappardelle, pici, tortelli, malfatti. Esclusivamente pasta fresca del laboratorio artigiano di Barbara ed Enrico che arrivano da Siena.

ATELIER

Il Maestro Artigiano Fabio Chiari della Scuola di Liuteria della Toscana Fernando Ferroni, una straordinaria tradizione che risale al Quattrocento. Un’arte antica in cui confluiscono capacità manuali, elevato gusto estetico, eccellente conoscenza della storia liutaria ma anche fisica acustica, chimica, alchimia, matematica.

Anfiteatro Campano Santa Maria Capua Vetere

Dal 2 al 4 ottobre lo Streetfood Tour fa tappa al City Hall di Capua

Cibo di Strada: Anteprima Streetfood Village a Capua (Ce)

L’Associazione nazionale in collaborazione con Radiomarte per un show targato “Made in Sud”. L’obbiettivo: valorizzare il territorio e riscoprire giochi antichi e moderni.

La ventiquattresima tappa dello Streetfood Tour, il giro d’Italia del cibo di strada, sarà a Capua, in provincia di Caserta, dal 2 al 4 ottobre prossimi per un’anteprima assoluta dello Streetfood Village. Una rappresentanza di cibi di strada non solo da tutta Italia, ma ormai anche dal mondo, ma anche musica e spettacoli. Attese in questa occasione migliaia di “streetfoodies”, perché il cibo di strada promosso dall’Associazione Streetfood crea interesse, porta gente in città e orma da tutta Italia viene considerato un vero e proprio qualificatore territoriale.

Lo Streetfood Village sarà allestito nell’area eventi City Hall di Capua (Ce), in via Giulio Cesare Falco. L’evento è in collaborazione con l’emittente radiofonica Radiomarte che prevederà la presenza di uno show comico targato “Made in Sud” e i bottari, band di strada che suona percuotendo botti e altri utensili. L’area eventi City Hall è della famiglia Chianese che da anni, con l’Associazione Culturale “Il Gladiatore”, si occupa di promozione turistica e valorizzazione delle tradizioni. «Un binomio questo – spiega il presidente e fondatore dell’Associazione Streetfood – che ormai fa degli eventi da noi organizzati uno dei punti di forza, dal momento che crediamo che il cibo di strada, quello certificato, sia un ottimo motore di aggregazione di persone che poi possono scoprire le tradizioni dei singoli territori, come in questo caso di Capua, centro nevralgico dell’Impero Romano posta tra Santa Maria Capua Vetere con l’anfiteatro Campano, secondo per grandezza al Colosseo, e Caserta con la ben nota Reggia del Vanvitelli».

Streetfood Tour PaneCaMeusaNella tre giorni di Capua si potranno degustare sapori unici dell’unico cibo di strada certificato in Italia che, per dare maggiore certezza al consumatore, oggi confuso da centinaia di eventi che parlano di street food, è contraddistinto da un marchio, quello con la tendina, che dichiara gli operatori “Artigiani del gusto”. Di cibo di strada ce ne sarà per tutti i gusti. Tra i più tradizionali cibi di strada, come le panelle e pane ca’ meusa, cannoli e arancine siciliane, ci saranno le bombette pugliesi, i panini di Mare dello chef Mario Ottaviano di Peschici (Fg) il fritto di pesce del Lazio, Olive e fritto ascolano, la patata tornado e pasticceria napoletana e il richiestissimo hamburger di Chianina Igp. Fanno gli onori di casa: la pizza fritta e i panzarotti e la ciabatta sbriciola di salsiccia. Tra gli stranieri figura la cucina greca con Souvlaki e Gyros Pita. Il tutto è accompagnato da fiumi di birra sia di origine tedesca, in pieno clima bavarese da Oktober Fest ma anche artigianale italiana del Friuli e della Toscana selezionata da Streetfood.

L’evento di Capua è come detto di un’anteprima di un evento in programma nel 2016 che prevedrà visite guidate ai reperti storici da un lato e campionato calciobalilla e altri giochi più antichi promossi dall’Associazione Il Gladiatore dall’altro. Il tutto con l’obiettivo di riscoprire il valore della condivisione di momenti ludici e dei rapporti umani, vivere il territorio e le sue bellezze in maniera genuina, il tutto potendo degustare grandi prodotti, anche loro della tradizione di strada.

Per il mese di ottobre lo Streetfood Village Tour prosegue a Poggibonsi (Si) dal 9 all’11 ottobre in Piazza Matteotti, dal 16 al 18 ottobre a Collestrada (Pg) per l’anniversario del Centro Commerciale omonimo e a Ferrara in Piazza Travaglio dal 23 al 25 ottobre

Cibo di strada presenti all’Anteprima Streetfood Village Capua (Ce)

Sicilia Pane ca’ Meusa, Pane e Panelle, Arancine e Cannoli
Marche Olive e fritto misto di Ascoli. Pesce fritto di San Benedetto del Tronto (AP)
Lazio Fritto di pesce nel cono
Puglia Bombette di Alberobello (Ba), Panini di Mare dello chef Mario Ottaviano di Peschici (Fg)
Toscana – tortelli di patate del Casentino (Ar) fritti e Hamburger di Chianina certificata IGP
Campania Patata tornado e pasticceria napoletana, Pizza fritta, panzarotti e la ciabatta sbriciola di salsiccia

Tra gli stranieri:

Grecia – Souvlaki e Gyros Pita

Bevande:

birra tedesca direttamente dall’Oktober Fest di Monaco
birra artigianale friulana e toscana a marchio Streetfood®

Streetfood Tour Capua-A5

SPOLTORE-BEER & STREETFOOD-FESTIVAL

Streetfood Tour: dal 25 al 27 settembre nuova tappa in Abruzzo in occasione dello Spoltore Beer Festival

StreetFood logo

Streetfood Village a Spoltore (Pe): torna in Abruzzo il cibo di strada certificato

Ventitreesima tappa per il tour nazionale del cibo di strada promosso dallassociazione Streetfood. Dopo il successo di Pescara, i cibi di strada di Streetfood tornano a onorare il pubblico della terra degli arrosticini

Da venerdì 25 a domenica 27 settembre, lo Streetfood Tour torna a far tappa in Abruzzo. Sarà Spoltore, in provincia di Pescara, a ospitare la ventitreesima tappa dello Streetfood Tour, il giro dItalia del cibo di strada promosso dallAssociazione nazionale Streetfood che da anni certifica e promuove il vero cibo di strada italiano. Lo Streetfood Village sarà sistemato allinterno della seconda edizione dello Spelt – Spoltore Beer Festival, che per tre giorni porterà in piazza le birre artigianali del territorio. Per abbinare queste eccellenze dei mastri birrai, gli organizzatori del Festival hanno scelto il cibo di strada con la tendina che delizierà i palati delle migliaia di appassionati che arriveranno per il week end di festa.

«Dopo il doppio successo di Pescara ottenuto questanno con la collaborazione dellAmministrazione comunale spiega Massimiliano Ricciarini, presidente e fondatore di Streetfood lAbruzzo ci ha richiamato per portare il cibo di strada dei nostri Artigiani del gusto, lunico cibo di strada con la tendina, quello che rispetta il disciplinare di qualità e tradizione».
Spoltore beer Festival e Streetfood TourNei due eventi di Pescara lo Streetfood Village ha accolto oltre 100 mila appassionati, a conferma della seriet
à e della qualità dei prodotti e dellorganizzazione. Nellambito dello Spelt saranno presenti numerose specialità da tutta Italia per far degustare alle migliaia di persone previste i cibi di strada più tradizionali e genuini. Ce ne sarà per tutti i gusti. Segreto del successo è lorganizzazione che lassociazione Streetfood mette in atto con la sua decennale esperienza. Oltre agli arrosticini anche altri tradizionali cibi di strada, come le panelle e pane cameusa, cannoli e arancine siciliane, le bombette pugliesi, i panini di Mare dello chef Mario Ottaviano di Peschici (Fg), la Piada romagnola, la porchetta di Ariccia (Roma), e fritto di pesce di San Benedetto del Tronto (Ap), Olive e fritto ascolano e il richiestissimo hamburger di Chianina Igp. Una piccola ma gustosa e rappresentativa presenza della Carovana Streetfood, quella con la tendina.

Lassociazione nazionale Streetfood nata nel 2004 è stato il primo progetto in Italia a promuovere il cibo come cultura e il cibo di strada come format vincente in quanto riassume in un cartocciostoria e tradizioni di ogni regione dItalia da scoprire e gustare con le mani. Negli eventi di questo primo semestre sono stati consumati oltre 35 quintali di patate, 120 addirittura di melagrane. Oltre 15 mila piadine, poi ancora 8 mila arancine, 600 kg di Pane caMeusa, 300 kg di panelle. Ancora 900 kg di paella, 30 quintali di carne argentina, 15 quintali di pesce e altrettanti di lampredotto. Dalla Puglia sono arrivati più di 30 quintali di bombette e 500 sono i kg di lime per i cocktail on the road. DallAbruzzo 80 mila arrosticini e oltre mille kg di farina per panigacci di Podenzana (Ms). Per finire 7.500 Panzerotti baresi e 15 quintali di polipo per oltre 6 mila Pucce salentine. 3 mila le spianate casentinesi con porcini e tartufo toscano, 450 i kg di Pastin, piatto di strada bellunese. Il tutto accompagnato da Birra StreeFood, oltre 9 mila i litri somministrati sommando i vari eventi.

Festa della nocciola

3 Ottobre: Festa della Nocciola, presso l’antico borgo cistercense di Badiavecchia

X EDIZIONE DELLA FESTA DELLA NOCCIOLA
A  BADIAVECCHIA DI NOVARA DI SICILIA  IL 3 OTTOBRE 2015 DALLE ORE 10
CON L’ORGINALE E UNICA LA SALSICCIA ALLA NOCCIOLA!!!

La manifestazione è organizzata anche in caso di pioggia

Se volete ritemprarvi nel corpo e nello spirito non potete non recarvi presso l’antico borgo di Badiavecchia: a pochi chilometri da Novara di Sicilia nel messinese, immerso tra le silenziose valli che addolciscono il paesaggio tra i monti Peloritani ed i Nebrodi.

Giungervi non è difficile, basta imboccare la ss185 che a Terme Vigliatore incrocia la statale 113 per Messina e da qui inerpicarsi su per le montagne fino a Novara di Sicilia per poi proseguire attraverso la strada provinciale 96 che in pochi minuti vi porterà a Badiavecchia.

Qui vi troverete immersi nella storia ammirando i resti dell’antico Monastero Cistercense consacrato nel 1117 e la piccola chiesa di Santa Maria Annunziata; tra i dolci declivi e la lussureggiante vegetazione vi sembrerà di udire ancora il dolce e discreto suono della campana che, in quel luogo di mistica solitudine, invitava i monaci dal saio bianco alla preghiera.

Poi, se oltre allo spirito avrete anche l’umano desiderio di ritemprare il corpo, qui siete proprio nel posto giusto. Questa è terra di nocciole, frutto a cui ad ottobre dedicano anche una sagra, e non vi sarà quindi difficile trovare degli ottimi dolci preparati dalle sapienti mani degli abitanti del luogo ma anche e soprattutto la rinomata salsiccia di nocciole dall’impareggiabile profumo che, insieme a qualche fetta di buon pane fragrante, saprà soddisfare certamente anche il vostro palato.

Badiavecchia è un posto incantevole ed unico di cui, quanti amano la storia e la natura, non potranno non apprezzare il fascino. (Articolo  Di Nando Cimino).

Grande dunque questa Festa: unica, esclusiva, originale PER LA SUA SALSICCIA CON LE NOCCIOLE E TANTISSIMI DOLCI!!!

Locandina festa della nocciola

Irpinia campanile caposele jazz & wine

Jazz & Wine all’Ombra del Campanile: alla scoperta di tradizioni e sapori d’Irpinia

Il 14 agosto a Caposele (AV), tra le antiche cantine di Catapano scavate nella roccia, sulle sorgenti del fiume Sele, torna Jazz & Wine all’Ombra del Campanile.

Un appuntamento unico, alla scoperta dell’Irpinia: luoghi, tradizioni, cultura, sapori ed enogastronomia, si incontrano e si fondono con la musica Jazz, in un percorso sensoriale tra le migliori cantine irpine, ma non solo… L’evento mira a valorizzare e far conoscere nuove produzioni in abbinamento ai piatti tipici della tradizione locale.

La terza edizione del festival Jazz & Wine all’Ombra del Campanile vuole confermarsi come una delle rassegne più seguite e conosciute nel panorama musicale della Valle del Sele: anche quest’anno, una programmazione di spessore, con la partecipazione di artisti italiani e internazionali di indiscussa fama mondiale per celebrare un incontro di culture e realtà territoriali e produttive accomunate da una passione senza confini: quella per il jazz.

Con la sua atmosfera informale e suggestiva il Parco Saure, conferma la sua vocazione verso storia, arte e cultura e apre le porte a questo genere musicale nella sua versione più raffinata ed ampia.

irpinia jazz & wine all'ombra del campanile

VINO. La bravura, la passione, la ferrea volontà di credere ed investire, della gente che ha creduto nel territorio di origine e si è impegnata per dare un futuro a questa terra: questo e molto altro si assapora in ogni goccia del nettare irpino, tesoro di un’intera regione che con la sua gente, le sue tradizioni e il suo patrimonio naturale contribuisce a valorizzare il nostro Bel Paese.
Ogni bicchiere offerto, avrà qualcosa di personale e di intimo da raccontare all’assaggiatore, che si perderà in un viaggio sensoriale tra i toni dei rossi e dei bianchi: un ricordo di un territorio unico, l’Irpinia e il nostro meraviglioso Sud, da tramandare a chi ancora non ha avuto la fortuna di conoscerlo.

CIBO. L’Irpinia possiede un patrimonio culturale, ambientale ed enogastronomico di eccezionale ricchezza, strettamente connesso alla cultura e alle tradizioni locali: un’eredità rimasta invariata nei secoli.
Il progetto Jazz & Wine all’Ombra del Campanile si prefigge lo scopo di coniugare un territorio di indiscussa bellezza a produzioni eno-gastonomiche di pregio ed elevata qualità.
Salumi, latticini, formaggi, olio extravergine d’oliva, vino, pasta fresca ed essiccata, miele, ortofrutta, marmellate, confetture, conserve, tartufi, funghi, prodotti da forno, dolci, gelato artigianale, torrone, ecc saranno i protagonisti assoluti di un percorso sensoriale alla scoperta delle tradizioni e dei sapori d’Irpinia.

Per maggiori informazioni: concitameo@tiscali.it

street food

Streetfood Rimini: la “Tendina” torna a Marina Centro

StreetFood logo

Diciannovesima tappa annuale per il tour del Cibo di strada promosso dall’associazione nazionale Streetfood. Prossima tappa Rimini con l’Associazione Commercianti di Marina Centro, dove in Piazza Kennedy, da venerdì 31 luglio a domenica 2 agosto lo Streetfood Village animerà la movida della cittadina per eccellenza delle vacanze estive di giovani e appassionati di mare e divertimento.

In tre giorni sono attese decine di migliaia di persone per assaggiare il miglior cibo di strada italiano, l’unico certificato in qualità e tradizione dall’unica e prima associazione nazionale che tutela e promuove questo settore, ormai sempre più apprezzato dai consumatori.

«Cibo di strada ormai non vuole più dire soltanto mangiare qualcosa – spiega Massimiliano Ricciarini, presidente e fondatore di Streetfood – è molto di più: a partire dal divertimento che può portare grazie al fatto non solo di trovarsi nelle principali piazze delle città italiane, ma anche grazie alla musica, agli spettacoli e alle atmosfere di benessere e spensieratezza che si generano in questi appuntamenti».

Dalle 17 del venerdì e dalle 11 di mattina del sabato e della domenica, fino a notte inoltrata lo Streetfood Village sarà aperto a tutti gli “streetfoodies” che passeranno da Rimini. Saranno presenti nei gazebi di Streetfood oltre 50 specialità da tutta Italia e dal mondo per far degustare alle migliaia di persone previste i cibi di strada più tradizionali e genuini. Ce ne sarà per tutti i gusti.

Novità: cibo di strada etiope tra gli stranieri.

L’associazione nazionale Streetfood infatti, nata nel 2004, è stato il primo progetto in Italia a promuovere il cibo come cultura e il cibo di strada come format vincente in quanto “riassume in un cartoccio” storia e tradizioni di ogni regione d’Italia da scoprire e gustare con le mani. Nel 2015 lo Streetfood Tour ha già segnato 19 tappe in altrettante città d’Italia dimostrando come il cibo di strada è e deve essere integrato con la cultura e con la vita della città. Oltre un milione di “streetfoodies” in questi appuntamenti (con una media di 50 mila presenze a evento). Sono tutti appassionati di buona cucina, di tradizione. Cercano nel cibo di strada non solo un pasto, ma emozioni e racconti dei territori da cui queste cucine così particolari provengono. Il merito di Streetfood è stato quello di garantire al consumatore prodotti certificati nella qualità e nella storia e riconoscibili con il marchio “Artigiani del gusto”.

MENU Streetfood Village Rimini

La tradizione
Sicilia – pane e panelle, pane ca’ meusa, arancine, cannoli e cassatine.
Lazio – Fritto di pesce
Marche – Olive e fritto misto di Ascoli
Puglia – Bombette, panzerotti e puccia con il polpo, focaccia barese e panini gourmet su food truck
Toscana – Tortelli di patate tradizionali casentinesi (Ar) e fritti. Hamburger di Chianina Igp certificato
Romagna – Piada romagnola e cassoni
Abruzzo – Arrosticini di pecora
Veneto – Pastin Hamburger delle dolomiti di Belluno e wurstel artigianali.
Campania – Patata tornado e pasticceria napoletana

Tra gli stranieri
Argentina – carne di angus alla griglia e choripan
Grecia – Souvlaki e Gyros Pita
Marocco – Cous Cous e Tajine
Spagna – Paella e tacos con sangria
Etiopia – sambussa, felafel, kategnà e altre ricette tipiche

Bevande 
birra artigianale friulana e toscana a marchio Streetfood®
Cocktail di lime e frutta fresca serviti da foodtruck a forma di lime

Streetfood Village Rimini

Festa del marmo e delle Albicocche

1-2 Agosto: weekend di festa del Marmo e delle Albicocche in Val Venosta

Nel weekend dall’1 al 2 agosto si terrà a Lasa la tradizionale “Festa del Marmo e delle Albicocche”, omaggio a due dei prodotti distintivi di questa zona.
Infatti, Lasa in Val Venosta, è nota per le sue gustose e genuine albicocche e per il suo “oro bianco” cioè il suo marmo finissimo.

L’ABICOCCA VENOSTANA

Il clima unico della Val Venosta, caldo e soleggiato, con poche precipitazioni e terreni ariosi, è ideale per la coltivazione delle albicocche, chiamate anche Marillen dagli abitanti del luogo.
Di forma ovale e dalla buccia sottile e vellutata, di colore giallo scuro, tendente all’arancione, l’albicocca venostana è un concentrato dei sapori e delle straordinarie sfumature che caratterizzano l’estate in Val Venosta.
La sua polpa morbida e succosa, dal sapore pieno e lievemente acidulo, si presta bene ad essere utilizzata per la preparazione di dolci e marmellate.

In Val Venosta, la coltivazione delle albicocche avviene ad un’altitudine compresa tra i 600 e i 1.200 metri sul livello del mare a garanzia di una qualità eccellente del prodotto.
Le albicocche venostane, commercializzate da VI.P (Associazione delle Cooperative Ortofrutticole della Val Venosta), possono essere acquistate direttamente durante la festa o nei negozi al dettaglio delle cooperative associate: la JUVAL a Castelbello, la VI.P-Bio Val Venosta a Laces, la MEG in Val Martello, la GEOS a Silandro, la OVEG a Oris e la Bottega del Contadino a Stava-Naturno.

IL MARMO DI LASA

A questo frutto dolce ed estivo si aggiunge un altro prodotto tipico di Lasa, il marmo bianco di cui questa zona è ricca. Il purissimo marmo di Lasa è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo per le sue peculiarità distintive come la capacità di resistere meglio alle intemperie, mantenendo a lungo la propria brillantezza e la propria integrità. Inoltre, gli esperti lo ritengono il marmo bianco più raffinato, infatti, il marmo di Lasa era la pietra prediletta dalla dinastia degli asburgo e vari architetti e artisti lo hanno utilizzato per le oro opere in metropoli come New York, Londra, Berlino.

Il programma della festa spazia dal divertimento alla cultura: artisti del marmo, intrattenimento con musica dal vivo, mercatino di prodotti tipici e degustazioni riempiranno, infatti, le strade del paese nel corso del weekend.
Inoltre, presso diversi stand sarà possibile acquistare le albicocche o comprare prodotti artigianali realizzati con il prezioso marmo.

Info

Associazione Turistica Silandro-Lasa
www.silandro-lasa.it
Tel.: +39 0473 730 155
info@silandro-lasa.it

Acquisto presso cooperative VI.P

Coop. JUVAL a Castelbello, 0473.727500
Coop. MEG a Martello, 0473.744700
VI.P-Bio Val Venosta a Laces, 0473.723324
Coop. GEOS a Silandro, 0473.737100
Coop. OVEG a Oris, 0473.739932
Bottega del Contadino, a Stava-Naturno, 0473-667723

Melissa Festa del Miele Nuovo

Festa del Miele Nuovo: un dolce viaggio alla scoperta del cibo degli dei

Per tutti gli amanti del miele, una festa interamente dedicata al cibo degli dei è in programma per Sabato 18 e Domenica 19 Luglio a Croviana, in Val di Sole.

Due giornate all’aria aperta all’insegna di gusto, cultura e intrattenimento con mercatini, degustazioni, stand gastronomici, laboratori, curiosità, approfondimenti scientifici e culturali sul miele e l’affascinante mondo delle api

Per i fortunati che avranno il piacere di immergersi in questo panorama di dolcezza sublime non mancheranno degustazioni presso gli stand gastronomici, seminari, musica dal vivo, laboratori e persino un mercatino in cui potrete trovare e acquistare i migliori prodotti agricoli delle valli del Noce.

PROGRAMMA di MELISSA: FESTA DEL MIELE NUOVO:

Trovate qui la brochure dettagliata.

Sabato 18 luglio

  • ore 16.00 Apertura della festa
  • 16.00 – 20.00 MMape: Speciale visite guidate al Mulino Museo dell’Ape
  • ore 17.00 – 18.00 – 19.00 Visite alla camera di volo in compagnia dell’apicoltore
  • ore 17.30 presso MMape: Inizio smielatura del miele nuovo con liberi assaggi
  • ore 18.00 Località Mulino: AperiMiele musicale
  • 0re 18.30 Palazzina centro sportivo: Teaser del film documentario “Il miracolo combinato”, storia solandra di api e dei loro custodi. Con la partecipazione del regista Tommaso Pasquini e di alcuni apicoltori protagonisti della storia
  • ore 19.00 Località Plazze: Apertura stand Gastronomici
  • ore 21.30 Località Plazze: “The Wise” in concerto. I protagonisti di xFactor 2014 con noi, sul palco di Melissa.

Domenica 19 luglio

  • ore 9.30: Nordic Walking nella natura:passeggiata guidata con i bastoncini (su prenotazione: 348 5800562 – Sergio)
  • ore 10.00 Palazzina centro sportivo: Tavola rotonda “Variabilità genetica e linee di selezione dell’ape carnica”
  • dalle ore 10.00 alle ore 20.00 MMape: Speciale visite guidate, smielatura ed assaggi del miele nuovo
  • dalle 10.00 alle 20.00 (ogni ora): Visite alla camera di volo in compagnia dell’apicoltore
  • alle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00 Località Mulino: Degustazione dei mieli con la guida degli Ambasciatori del Miele
  • ore 11.00 – 13.00 – 15.00 – 17.00 – località Plazze: LABORATORIO a cielo aperto “Estraiamo il DNA!”
  • ore 11.30 – Palazzina centro sportivo: APICOLTURA BONSAI: corso accelerato per addomesticare un’ape
  • ore 11.30 Località Plazze: Apertura stand Gastronomici
  • ore 12.00 – 14.00 – 16.00 – 18.00 località Plazze: LABORATORIO a cielo aperto “Proteine, misteriose macchine microscopiche”
  • ore 13.30 – 14.30 – 17.00 Ritrovo presso MMape: Eco-Comic-Tour con il Professor Propolis, esperto mondiale di api, miele ed ecosistemi. Comicità a passeggio
  • ore 14.30 Palazzina centro sportivo: Film documentario “La zappa sui piedi”: video itinerante in narrazione e musica su api, pesticidi ed agricoltura.
  • ore 15.00 Campo Sportivo: un assaggio di tai chi per tutti
  • ore 15.00 loc. Mulino: Gruppi Musicali del Piano Giovani Bassa Val di Sole in concerto
  • ore 15.30: “A ruota libera” spettacolo di strada, per bimbi e non solo, con la compagnia teatrale “I 4 elementi” Spettacolo comico con bolle di sapone giganti monocicli alti 2 metri torce infuocate, manipolazione di 5 cappelli… e tanta improvvisazione ed interazione con il pubblico.
  • ore 16.00 – loc. Laghetto: Laboratorio del gusto: Melissa, miele e dolci assaggi a cura della Strada della Mela e dei Sapori delle Valli di Non e di Sole
  • ore 17.00 – loc. Mulino: Gruppi Musicali del Piano Giovani Bassa Val di Sole in concerto
  • Ore 17.30 – loc Laghetto: Laboratorio del Gusto: “Dai pascoli della Val di Sole” a cura della Strada della Mela e dei Sapori delle Valli di Non e di Sole
  • ore 18.00 “A ruota libera” spettacolo di strada, per bimbi e non solo, con la compagnia teatrale “I 4 elementi” Spettacolo comico con bolle di sapone giganti monocicli alti 2 metri torce infuocate, manipolazione di 5 cappelli… e tanta improvvisazione e ed interazione con il pubblico.
  • ore 18.30 Palazzina centro sportivo: Film documentario “La zappa sui piedi”: video itinerante in narrazione e musica su api, pesticidi ed agricoltura
  • ore 19.00 Località Plazze: Apertura stand Gastronomici
  • ore 19.00 Località Plazze: “Sordo Solo and the Bees”: un microfono, una chitarra ed un cantimbanco, cantautore e cantattore.
  • ore 20.30 Località Plazze: Viaggio musicale con il cantautore Paolo Antonioni

ORGANIZZATORI DELL’EVENTO

  • Comune Croviana
  • Strada della Mela e dei Sapori delle Valli di Non e Sole
  • Associazione Apicoltori delle Valli di Sole, Peio e Rabbi
  • Associazioni di Croviana