Tag Archive : street food

WeStreet: l'unica app street food & fashion 1

WeStreet: l’unica app street food & fashion

Dal 18 aprile è arrivata sul mercato la nuova app street food & fashion. Talmente unica nel suo settore, che viene da chiedersi come mai nessuno ci avesse pensato prima. Siete in giro e proprio vi andrebbe un po’ di pane e panelle? Oppure una gricia al volo con prodotti freschi ed espressi? O magari siete di ritorno da una festa e avete la classica fame alcolica che andrebbe sopita con un bel cartoccio di fritti…

WeStreet è l’aggregatore dei furgoncini itineranti che vanno oramai molto di moda. Con pochi click potrete sapere dove si trova l’apetta più vicina oppure il vostro furgoncino preferito.

A dire la verità lo street food, e più in generale il commercio itinerante, è più di una moda. La velocità e facilità con cui sta prendendo piede indica che sta diventando quasi una consuetudine, grazie alla straordinaria capacità di mettere insieme il desiderio dei consumatori di avere a disposizione ciò che vogliono ovunque, anche prodotti in qualche modo ricercati o particolari, e la necessità dei venditori di conquistare nuove fette di mercato. WeStreet permette di acquisire una visibilità molto più ampia, realizzare campagne marketing ed aprirsi ad opportunità che prima erano chiuse.

Potete ad esempio organizzare una bella festa alternativa con le apette che più preferite, rendendo unico il vostro evento. Oppure, se vi sentite giustamente pigri dopo una giornata intensa di lavoro e volete rilassarvi a casa con le golosità che vi piacciono di più, potrete contare a breve sul servizio di delivery.

Ma non solo truck del cibo. Oggi le apette sono molto diffuse anche per il fashion. Con WeStreet potete geolocalizzare anche i furgoncini di accessori, moda e abbigliamento.

WeStreet è però molto di più: in questi periodi di crisi economica nascono moltissime start-up e molti giovani (e non) sognano di potersi aprire un’attività in proprio nel settore street food & fashion, che rappresenta degli investimenti e costi relativamente bassi. Se volete intraprendere questa strada, WeStreet vi può supportare nel processo di avviamento, con consulenze ad hoc.

L’ideatore è un giovane e brillante imprenditore italiano, Lino Del Cioppo. Originario di Termoli, in Molise, vive a Roma da 15 anni. Laureato in economia ed executive Mba, ha fondato una società di consulenza informatica, Key Partners, di cui è amministratore delegato. La Key Partners è oggi una realtà solida, con sedi a Roma e Milano e circa 100 specialisti. Insomma, un imprenditore di successo che sta lanciando una nuova realtà con WeStreet.

“Nei miei primi di anni di lavoro in una multinazionale ero così impegnato in ufficio che non riuscivo a trovare il tempo nemmeno per comprarmi un paio di calzini – racconta Del Cioppo – così, quando tornavo dai miei in Molise, mia madre precauzionalmente mi faceva trovare uno stock di biancheria nuova, che acquistava da un ambulante di sua fiducia, il signor Basso. Vendeva solo merce di qualità, la migliore biancheria che abbia mai usato. Ma un bel giorno, il venditore che riforniva i miei cassetti, non era più al solito posto, era andato altrove. Un vero guaio. Al tempo non tutti avevano un cellulare e non sapemmo più come rintracciarlo”.

Da qui, l’idea di WeStreet: “Per anni – racconta ancora il fondatore – ho pensato a come ovviare a situazioni di quel tipo. Oggi la tecnologia ci aiuta a semplificare le nostre giornate. Questa applicazione guarda contemporaneamente alla crescita del commercio itinerante, un settore con potenzialità enormi, all’innovazione digitale e alle specificità del nostro Paese. Siamo leader nel cibo e nella moda, perché non promuoverli ancora meglio grazie ad un’app?”.

Festival agrirock al Castello di Barolo 2

Festival agrirock al Castello di Barolo

Anche quest’anno torna uno dei festival italiani più accattivanti: il festival agrirock Collisioni, da giovedì 14 luglio a Barolo (Cuneo). La storia è di quelle bellissime, un insieme di senso di comunità, condivisione della musica, della letteratura, dell’arte, del buon bere e mangiare. Il tutto è nato quasi in modo naturale, dall’iniziativa di un gruppo di ragazzi nel 2009, e da allora la forza dirompente e travolgente tipica di tutte le cose fatte con il cuore, con passione e determinazione, ha creato uno degli eventi italiani più belli. La stessa determinazione e intraprendenza che nel 2011 dimostrarono gli organizzatori andando a Londra con un volo low cost da 13 euro e 50 a trovare il manager di Bob Dylan per proporgli un concerto in occasione dei 50anni di Blowin’ in The Wind. Il manager li rimandò indietro dicendo di non perdere tempo. Tre mesi dopo Bob Dylan chiamò tramite il suo agente accettando l’invito.

Pieno di vitalità e di energia giovane, questo festival è immerso tra le valli meravigliose delle Langhe, in un paese noto certamente per il vino: Barolo. Il paese sarà palcoscenico di una serie di performance artistiche di diversi tipi, dalla musica al teatro alla letteratura.

La novità di quest’anno vede anche una manifestazione enogastronomica della cucina italiana in modalità street food, con due programmi speciali: WINEMARATHON e FOODMARATHON. Questi eventi si terranno nella fantastica location del cortile del Castello di Barolo, dove si avrà l’occasione non solo di provare prodotti tipici ma anche di imparare e di scambiarsi idee ed opinioni con i più ricercati critici, cuochi, sommelier e artisti. Sabato 16 e Domenica 17 Luglio potrete immergervi tra degustazioni, letture di poesie e rappresentazioni teatrali e non solo, alla scoperta delle nostre tradizioni agricole e culinarie di eccellenza.

Il programma musicale principale prevede:

  • 14 Luglio: Modà
  • 15 Luglio: Elton John
  • 16 Luglio: Marco Mengoni
  • 17 Luglio: Mika
  • 18 Luglio: Niccolò Fabi
  • 18 Luglio: Negramaro
Street food contest: arriva "Container" 3

Street food contest: arriva “Container”

Lo street food è la nuova tendenza del momento, e allora arriva il contest dedicato a chi vuole fare impresa nel mondo di questo nuovo modo di fare ristorazione. E’ il sogno di molti giovani che ora potranno misurarsi in una selezione per futuri imprenditori del cibo. Nasce a Roma “Container”, con l’obiettivo di reclutare i nuovi aspiranti protagonisti della scena gastronomica italiana e di offrire loro un’occasione unica: realizzare un “pop up restaurant” (un esempio, in piccolo, della propria idea), per testare l’efficacia del proprio progetto imprenditoriale di fronte a migliaia di appassionati di cucina, giornalisti e blogger, possibili partner e finanziatori che concluderanno la selezione il 10 maggio. Per partecipare al Concorso occorre inviare tutti i materiali che servono a raccontare il proprio progetto: concept, logo e identità visiva, menu, location, e business plan. I due selezionati potranno partecipare alla quarta edizione di “This Is Food”, il 28 e 29 maggio presso le Officine Farneto di Roma. Un’occasione di visibilità e prova sul campo per i futuri imprenditori, con un premio da aggiudicarsi per cominciare a finanziare, col supporto di Nastro Azzurro, la Birra italiana che si dichiara “da sempre vicina ai giovani che guardano avanti con curiosità e capacità innovativa”. Per delineare la “nuova food culture metropolitana” This Is Food, sottolineano i promotori, seleziona ristoranti, bistrot, pasticcerie e gelaterie, costruite attorno ad un concept originale e in grado di sperimentare e di sorprendere con i sapori e con le idee.

Siete nel campo della ristorazione e avete un’idea brillante e originale? Affrettatevi allora a presentare il vostro progetto!

SPOLTORE-BEER & STREETFOOD-FESTIVAL

Streetfood Tour: dal 25 al 27 settembre nuova tappa in Abruzzo in occasione dello Spoltore Beer Festival

StreetFood logo

Streetfood Village a Spoltore (Pe): torna in Abruzzo il cibo di strada certificato

Ventitreesima tappa per il tour nazionale del cibo di strada promosso dallassociazione Streetfood. Dopo il successo di Pescara, i cibi di strada di Streetfood tornano a onorare il pubblico della terra degli arrosticini

Da venerdì 25 a domenica 27 settembre, lo Streetfood Tour torna a far tappa in Abruzzo. Sarà Spoltore, in provincia di Pescara, a ospitare la ventitreesima tappa dello Streetfood Tour, il giro dItalia del cibo di strada promosso dallAssociazione nazionale Streetfood che da anni certifica e promuove il vero cibo di strada italiano. Lo Streetfood Village sarà sistemato allinterno della seconda edizione dello Spelt – Spoltore Beer Festival, che per tre giorni porterà in piazza le birre artigianali del territorio. Per abbinare queste eccellenze dei mastri birrai, gli organizzatori del Festival hanno scelto il cibo di strada con la tendina che delizierà i palati delle migliaia di appassionati che arriveranno per il week end di festa.

«Dopo il doppio successo di Pescara ottenuto questanno con la collaborazione dellAmministrazione comunale spiega Massimiliano Ricciarini, presidente e fondatore di Streetfood lAbruzzo ci ha richiamato per portare il cibo di strada dei nostri Artigiani del gusto, lunico cibo di strada con la tendina, quello che rispetta il disciplinare di qualità e tradizione».
Spoltore beer Festival e Streetfood TourNei due eventi di Pescara lo Streetfood Village ha accolto oltre 100 mila appassionati, a conferma della seriet
à e della qualità dei prodotti e dellorganizzazione. Nellambito dello Spelt saranno presenti numerose specialità da tutta Italia per far degustare alle migliaia di persone previste i cibi di strada più tradizionali e genuini. Ce ne sarà per tutti i gusti. Segreto del successo è lorganizzazione che lassociazione Streetfood mette in atto con la sua decennale esperienza. Oltre agli arrosticini anche altri tradizionali cibi di strada, come le panelle e pane cameusa, cannoli e arancine siciliane, le bombette pugliesi, i panini di Mare dello chef Mario Ottaviano di Peschici (Fg), la Piada romagnola, la porchetta di Ariccia (Roma), e fritto di pesce di San Benedetto del Tronto (Ap), Olive e fritto ascolano e il richiestissimo hamburger di Chianina Igp. Una piccola ma gustosa e rappresentativa presenza della Carovana Streetfood, quella con la tendina.

Lassociazione nazionale Streetfood nata nel 2004 è stato il primo progetto in Italia a promuovere il cibo come cultura e il cibo di strada come format vincente in quanto riassume in un cartocciostoria e tradizioni di ogni regione dItalia da scoprire e gustare con le mani. Negli eventi di questo primo semestre sono stati consumati oltre 35 quintali di patate, 120 addirittura di melagrane. Oltre 15 mila piadine, poi ancora 8 mila arancine, 600 kg di Pane caMeusa, 300 kg di panelle. Ancora 900 kg di paella, 30 quintali di carne argentina, 15 quintali di pesce e altrettanti di lampredotto. Dalla Puglia sono arrivati più di 30 quintali di bombette e 500 sono i kg di lime per i cocktail on the road. DallAbruzzo 80 mila arrosticini e oltre mille kg di farina per panigacci di Podenzana (Ms). Per finire 7.500 Panzerotti baresi e 15 quintali di polipo per oltre 6 mila Pucce salentine. 3 mila le spianate casentinesi con porcini e tartufo toscano, 450 i kg di Pastin, piatto di strada bellunese. Il tutto accompagnato da Birra StreeFood, oltre 9 mila i litri somministrati sommando i vari eventi.

street food

Streetfood Rimini: la “Tendina” torna a Marina Centro

StreetFood logo

Diciannovesima tappa annuale per il tour del Cibo di strada promosso dall’associazione nazionale Streetfood. Prossima tappa Rimini con l’Associazione Commercianti di Marina Centro, dove in Piazza Kennedy, da venerdì 31 luglio a domenica 2 agosto lo Streetfood Village animerà la movida della cittadina per eccellenza delle vacanze estive di giovani e appassionati di mare e divertimento.

In tre giorni sono attese decine di migliaia di persone per assaggiare il miglior cibo di strada italiano, l’unico certificato in qualità e tradizione dall’unica e prima associazione nazionale che tutela e promuove questo settore, ormai sempre più apprezzato dai consumatori.

«Cibo di strada ormai non vuole più dire soltanto mangiare qualcosa – spiega Massimiliano Ricciarini, presidente e fondatore di Streetfood – è molto di più: a partire dal divertimento che può portare grazie al fatto non solo di trovarsi nelle principali piazze delle città italiane, ma anche grazie alla musica, agli spettacoli e alle atmosfere di benessere e spensieratezza che si generano in questi appuntamenti».

Dalle 17 del venerdì e dalle 11 di mattina del sabato e della domenica, fino a notte inoltrata lo Streetfood Village sarà aperto a tutti gli “streetfoodies” che passeranno da Rimini. Saranno presenti nei gazebi di Streetfood oltre 50 specialità da tutta Italia e dal mondo per far degustare alle migliaia di persone previste i cibi di strada più tradizionali e genuini. Ce ne sarà per tutti i gusti.

Novità: cibo di strada etiope tra gli stranieri.

L’associazione nazionale Streetfood infatti, nata nel 2004, è stato il primo progetto in Italia a promuovere il cibo come cultura e il cibo di strada come format vincente in quanto “riassume in un cartoccio” storia e tradizioni di ogni regione d’Italia da scoprire e gustare con le mani. Nel 2015 lo Streetfood Tour ha già segnato 19 tappe in altrettante città d’Italia dimostrando come il cibo di strada è e deve essere integrato con la cultura e con la vita della città. Oltre un milione di “streetfoodies” in questi appuntamenti (con una media di 50 mila presenze a evento). Sono tutti appassionati di buona cucina, di tradizione. Cercano nel cibo di strada non solo un pasto, ma emozioni e racconti dei territori da cui queste cucine così particolari provengono. Il merito di Streetfood è stato quello di garantire al consumatore prodotti certificati nella qualità e nella storia e riconoscibili con il marchio “Artigiani del gusto”.

MENU Streetfood Village Rimini

La tradizione
Sicilia – pane e panelle, pane ca’ meusa, arancine, cannoli e cassatine.
Lazio – Fritto di pesce
Marche – Olive e fritto misto di Ascoli
Puglia – Bombette, panzerotti e puccia con il polpo, focaccia barese e panini gourmet su food truck
Toscana – Tortelli di patate tradizionali casentinesi (Ar) e fritti. Hamburger di Chianina Igp certificato
Romagna – Piada romagnola e cassoni
Abruzzo – Arrosticini di pecora
Veneto – Pastin Hamburger delle dolomiti di Belluno e wurstel artigianali.
Campania – Patata tornado e pasticceria napoletana

Tra gli stranieri
Argentina – carne di angus alla griglia e choripan
Grecia – Souvlaki e Gyros Pita
Marocco – Cous Cous e Tajine
Spagna – Paella e tacos con sangria
Etiopia – sambussa, felafel, kategnà e altre ricette tipiche

Bevande 
birra artigianale friulana e toscana a marchio Streetfood®
Cocktail di lime e frutta fresca serviti da foodtruck a forma di lime

Streetfood Village Rimini

panoramica san martino sulla marrucina

“I Tre MAS” – Masciarelli, Masi e Mastroberardino insieme per brindare sotto le Stelle

Vino cibo i Tre Mas

CALICI DI STELLE – San Martino sulla Marrucina

1 agosto 2015 dalle 20.30
Quando la convivialità sposa la qualità

Non solo una serata dedicata al brindisi open air più atteso dell’estate, ma una vera notte di stelle riunite in un format ideato da Masciarelli Tenute Agricole che ha voluto invitare nel piccolo centro di San Martino sulla Marrucina in provincia di Chieti, sede storica dell’azienda e Città del Vino per antonomasia, altre due aziende vitivinicole rappresentative del panorama enologico del nord e del sud Italia.

La degustazione I TRE MAS, appunto, metterà al centro alcune referenze eccellenti prodotte dai vitigni autoctoni di Abruzzo, Veneto e Campania in abbinamento alle migliori ricette dello Street Food d’autore provenienti da tutta la penisola.

I vini per la serata sono stati selezionati perché emblematici del territorio di provenienza e della straordinaria varietà della viticoltura italiana: la Linea Gianni Masciarelli – Montepulciano, Trebbiano e Cerasuolo d’Abruzzo DOC – nata come dedica di Marina Cvetic al suo compagno di vita e di sfide professionali; il classico rosso veronese Campofiorin e il Rosa dei Masi, “Supervenetian” prodotti con uve parzialmente appassite, tecnica tipica della Valpolicella; Aglianico e Falanghina per Mastroberardino, due autoctoni esemplari della Campania.

Per il food, tradizione popolare rivisitata in chiave contemporanea nel segno della qualità con Trapizzino, una firma del miglior cibo di strada direttamente dalla Capitale. Un triangolo di pizza di eccellenza farcito con veri e propri “piatti del cuore”, ricette popolari e tradizioni di famiglia – come genovese, polipo al sugo e parmigiana – che piacciono anche ai più giovani. Un format che cattura in grado di travalicare i confini regionali e nazionali, visto il successo raccolto all’estero.

Marina Cvetic i Tre MasE arte “di strada” è anche quella della vivace compagine di artisti, musicisti e giocolieri, che animeranno il centro storico di San Martino con performance esilaranti e spettacolari. All’insegna della rivisitazione anche la colonna sonora di questa magica notte di piena estate, con la Mo’ Better Band, rilettura in chiave funky delle tradizionali bande abruzzesi.

Abbiamo pensato di affiancare in degustazione ai nostri vini altre eccellenze del territorio perché lo spirito di questa manifestazione vuole essere sempre di più conoscere e condividere la qualità, dentro e fuori la nostra regione” spiega Marina Cvetic Masciarelli, promotrice della degustazione I Tre MAS. “Tradizione, qualità del cibo e dell’intrattenimento si combinano in una notte pensata per incantare ma anche riflettere sulle nostre tante bellezze”.

StreetFood Belluno

17-19 Luglio: Belluno ospita lo StreetFood Tour che valorizza il cibo di strada italiano

StreetFood logo

Dal 17 al 19 luglio l’unico cibo di strada marchiato e disciplinato fa tappa in Veneto

Streetfood Village Belluno, sul Piave in difesa della tradizione

Tappa numero diciassette del tour nazionale del cibo di strada promosso dall’associazione Streetfood. A Belluno oltre 50 cibi di strada da tutto il mondo a suon di musica e festa. In piazza Martiri sono attesi in tre giorni oltre 40 mila appassionati

Da venerdì 17 a domenica 19 luglio, lo Streetfood Tour torna a far tappa in Veneto, a Belluno. La bellissima e centrale Piazza Martiri, simbolo della storia italiana, infatti ospiterà la diciassettesima tappa dello Streetfood Tour, il giro d’Italia del cibo di strada promosso dall’Associazione nazionale Streetfood che da anni certifica e promuove il vero cibo di strada italiano.
Lo Streetfood Village sarà sistemato nel cuore della città veneta, punto nevralgico della movida cittadina dove per tre giorni musica con dj set vari, cibo e bevande faranno da attrattore principale dei tanti turisti presenti in questo periodo.
Decine di migliaia sono gli streetfoodies attesi in questo che è il sedicesimo appuntamento del giro d’Italia del cibo di strada. Gli stand saranno aperti venerdì dalle 17 alle 24 e sabato e domenica dalle 11 alle 24.

StreetFood Tacos«Siamo particolarmente felici di essere presenti a Belluno per la terza volta consecutiva – spiega Massimiliano Ricciarini, presidente e fondatore di Streetfood – città che per altro ospiterà l’ultima tappa in programma a novembre del nostro Streetfood Tour 2015».

Nell’ambito della festa di Belluno nello Streetfood Village saranno presenti oltre 50 specialità da tutta Italia e dal mondo per far degustare alle migliaia di persone previste i cibi di strada più tradizionali e genuini. Ce ne sarà per tutti i gusti.

Segreto del successo è l’organizzazione che l’associazione Streetfood mette in atto con la sua decennale esperienza. Oltre ai tradizionali cibi di strada, come le panelle siciliane, le bombette pugliesi, o il lampredotto toscano, nell’evento saranno presentate diverse novità. Sono attese nella città veneta oltre 40 mila persone in tre giorni.

L’associazione nazionale Streetfood nata nel 2004 è stato il primo progetto in Italia a promuovere il cibo come cultura e il cibo di strada come format vincente in quanto “riassume in un cartoccio” storia e tradizioni di ogni regione d’Italia da scoprire e gustare con le mani.

Negli eventi di questo primo semestre sono stati consumati oltre 35 quintali di patate, 120 addirittura di melagrane.Oltre 15 mila piadine, poi ancora 8 mila arancine, 600 kg di Pane ca’ Meusa, 300 kg di panelle. Ancora 900 kg di paella, 30 quintali di carne argentina, 15 quintali di pesce e altrettanti di lampredotto. Dalla Puglia sono arrivati più di 30 quintali di bombette e 500 sono i kg di lime per i cocktail “on the road”. Dall’Abruzzo 80 mila arrosticini e oltre mille kg di farina per panigacci di Podenzana (Ms). Per finire 7.500 Panzerotti baresi e 15 quintali di polipo per oltre 6 mila Pucce salentine. 3 mila le spianate casentinesi con porcini e tartufo toscano, 450 i kg di Pastin, piatto di strada bellunese. Il tutto accompagnato da Birra Streetfood, oltre 9 mila i litri somministrati sommando i vari eventi.

MENU STREETFOOD

Streetfood Village Belluno

La tradizione
Sicilia – pane e panelle, pane ca’ meusa, arancine, cannoli e cassatine.
Lazio – Fritto di pesce
Marche – Olive e fritto misto di Ascoli
Piemonte – Gofri della Valchisone e Hamburger di razza Fassone
Puglia – Bombette, panzerotti e puccia con il polpo, focaccia barese e
altre tipicità su food truck
Toscana – Lampredotto, trippa, cacciucco del trippaio, ribollita,
salsiccia toscana alla piastra, tortelli di patate tradizionali
casentinesi (Ar) e fritti. Hamburger di Chianina certificato
Romagna – Piada romagnola e crescioni
Abruzzo – Arrosticini di pecora
Veneto – Pastin Hamburger delle dolomiti di Belluno e wurstel
artigianali.
Campania – Patata tornado e pasticceria napoletana

 

Ricette on the road
Gnocchi e altri prodotti al tartufo dell’Appennino

Tra gli stranieri
Argentina – carne di angus alla griglia e choripan
Messico – Tacos, Burritos, Nachos, Enchilladas
Grecia – Souvlaki e Gyros Pita
Brasile – Picana e picana de pollo
Marocco – Cous Cous e Tajine

Bevande
Birra artigianale friulana e toscana a marchio Streetfood®
Cocktail di lime e frutta fresca serviti da foodtruck a forma di lime e cicheti con l’ombra serviti da roulotte anni ‘60

 

Street Pop Festival

Street Pop Festival: dove si incontrano arte, intrattenimento e degustazioni enogastronomiche

L’estate di Città Sant’Angelo Village si accende di mille colori con Street Pop Festival, la rassegna estiva che da sabato 4 luglio e per tutti i giovedì fino al 20 agosto porterà all’Outlet la cultura del cibo da strada con un tocco gourmet, oltre che laboratori per bambini e bambine, spettacoli, incontri, concerti organizzati in collaborazione con i più importanti festival del territorio.

Il tema di quest’anno rivisita il cibo di strada in chiave pop, grazie alla mostra Andy Warhol…in the city, dedicata al grande maestro della Pop Art, che il Village ospiterà nei propri spazi dal 25 luglio al 20 agosto.

Un’occasione da non perdere per ammirare 30 opere che hanno segnato la storia dell’arte mondiale: dal mito di Marilyn Monroe al fascino di Liz Taylor, dalle storiche bottiglie di Coca Cola alle leggendarie lattine di zuppa Campbell’s, l’intuito e l’estro grafico di Andy Warhol saranno i protagonisti di questa imperdibile esposizione.

Un programma ricco di iniziative ed eventi quello dello Street Pop Festival, all’insegna della degustazione enogastronomica e dell’intrattenimento artistico, ludico e musicale. Ecco un piccolo assaggio:

  • concerto live di Nick The Nightfly
  • incontri con la giornalista e scrittrice Concita de Gregorio e con l’attore Carlo Gabardini
  • performance musicali del Pescara Jazz festival
  • spettacoli mozzafiato di circo contemporaneo di Cirko Vertigo
  • anteprima della manifestazione “Dall’Etna al Gran Sasso
  • degustazioni “Le vie del vino d’Abruzzo al Village” offerte dalle cantine del Movimento Turismo del Vino
  • cooking show di Chef Rubio

Una serie di giovedì da sogno quella che segnerà, da domani, la stagione dello shopping indetta da Sant’Angelo Village in occasione dello Street Pop Festival. Per non perdervi neanche un dettaglio sugli eventi, le iniziative e i percorsi degustativi gratuiti, sfogliate qui il coloratissimo programma.

Street Pop Festival locandina

food truck festival

3-5 luglio – Roma Food Truck Fest: le migliori cucine su ruota arrivano nella Capitale

 

logo food truck festIl cibo, di qualità, su ruota: veloce da consumare e in modalità ‘street’. E’ questa la formula che animerà il Roma Food Truck Fest, promosso da Vinòforum e in programma dal 3 al 5 luglio presso i giardini del Lungotevere Maresciallo Diaz (Farnesina).

Una tre giorni ‘free entry’ per un Festival del cibo di strada che vedrà la partecipazione di 24 tra le migliori cucine su ruota di tutta Italia. A bordo di risto-furgoni ci si potrà imbattere dal fritto della Tuscia alla Puccia salentina, passando per un cult dello street food romano come pizza e mortazza, solo per citare alcuni esempi.

Il Roma Food Truck Fest offrirà la possibilità di conoscere da vicino le cucine più gustose: sarà un vero e proprio viaggio in lungo e in largo per l’Italia alla continua ricerca dei sapori, dedicato a chi vive il cibo come piacere e passione.

Ad accogliere i visitatori le aree ristoro allestite da Phom biodesign & progettazione, un’officina che punta sulla filosofia della sostenibilità ambientale e della cultura del riciclo. Non mancherà una zona riservata al beverage, dove si potranno degustare birre artigianali di primissima qualità.

Tra le cucine su ruota che parteciperanno al Roma Food Truck Fest ci sono: Gricia road, Beefry, Ape fritto, T-burger station the truck, La Frittoria, La Casa del tartufo di Acqualagna, La Panella, L’Appetito polpetteria su tre ruote, Zibo cuochi itineranti, Fuori di mente, Streat Food Civitavecchia, Norcinape, Moto Grill Guzzi, Fritto dorato, Agriturismo viaggiante, L’Antica farinata, Migliori olive all’ascolana, La Salentuccia e Pizza&mortazza.

Abbiamo deciso di promuovere il Roma Food Truck Fest per dare a tutti la possibilità di accostarsi al cibo in modo consapevole e all’insegna del buon gusto, con un giusto mix tra divertimento e ricerca dei sapori”, dichiara l’organizzatore e patron della manifestazione, Emiliano De Venuti.

COLPO D’OCCHIO SU ROMA FOOD TRUCK FEST

Organizzazione: Vinòforum Eventi srl
Date: 3-5 luglio, ingresso libero
orari: da venerdì a domenica dalle 17.00 alle 02.00
Organizzatore: Emiliano De Venuti
Info: info@vinoforum.it; web: www.romafoodtruckfest.it

foto di un ApePiaggio ristorante

A Napoli l’APEritivo sulla Ape Piaggio, la tre ruote più famosa al mondo

foto di un ApePiaggio ristorante

Street food in Ape car a Napoli

Prendi un APEritivo? Ed ecco arrivare un’APE… Piaggio naturalmente. Siamo a Napoli e l’idea è di quelle che si fanno, neanche a dirlo, strada da sole: cicoli e ricotta, tarallo sugna e trippa a bordo dell’O Trerrote, il 3 ruote più famoso nel mondo, vero e proprio simbolo del Made in Italy già dal dopoguerra. Il cibo da strada di Vincenzo Russo è uno street food che corre per le strade, le stradine, i vicoli e le piazzette pronto a soddisfare i palati più esigenti. Il cuoco imprenditore, a bordo della sua Ape Classic fiammante propone il suo servizio itinerante per ogni occasione, dal brindisi al matrimonio, dall’apericena al rompi digiuno pomeridiano.

La ricetta è degna di quella creatività tutta partenopea che ha, da sempre, saputo trovare nella necessità la virtù dell’ingegno. Mentre la Piaggio a novembre dello scorso anno decideva di interrompere la produzione del tre ruote dopo 65 anni di onoratissima carriera qualcuno decideva di realizzarci sopra il suo personale, curioso, ed efficientissimo ristorante a motore.

L’effetto sicuramente felliniano riscuote il plauso dei convitati, spesso sorpresi all’uscita di un negozio, di una chiesa o nel bel mezzo di una passeggiata. Un concetto nuovo e ardito dell’ormai popolare street food al quale abbinare novità gustose quanto spettacolari come il gelato all’azoto liquido, pronto in un minuto a meno 196°.